(e quando parlo di lavori, intendo proprio lavori)

Il mio giardino (o come lo chiamano tutti, il mio orto) è un quadrato di circa 10-11 metri per lato.

Poco meno della metà di questo ha alberi da frutto (troppi a dire il vero), è molto ombroso anche d’estate, ed è anche lo spazio dedicato al cane.

L’altra metà è costituita da due piccoli bancali sinergici, qualche aiuola, una zona dedicata alle aromatiche, al bidone dell’acqua, alla compostiera e da un bordo di circa 70-80 cm che coltivo ad ortaggi.

La sua terra è grigia, sembra roccia sbriciolata, anche se, dove è coperta dalla vegetazione sembra più ricca ed è popolatissima da talpe, lombrichi e quantaltro. Era un pezzo in discesa e probabilmente usato come discarica decenni fa (non è raro trovare dei pezzi di vetro, soprattutto il cane che ha il vizio di scavare ne trova un sacco 😦 ) In seguito è stato riempito e le pietre grosse e piccole sono tante. Il muretto di confine su due lati (quello che contiene i bordi) era probabilmente di pietre successivamente incementate  per bellezza. Di fatto, proprio vicino ai bordi è difficile scendere oltre ai 10-15 cm di profondita.

Da tempo penso di zappare a fondo per eliminare le pietre (anche se non saprei proprio dove metterle) ed un paio di vecchie radici rimaste da chissà quanto (peraltro una è di noce) .
Mentre affronto il lavoro pensavo di aggiungere della terra magari sopraelevando il bordo ed un paio di aiuole (tipo raising bed) e, sempre magari, stendendo in profondità una rete che isoli le aiuole dalle talpe.

Fino a ieri il problema maggiore era “dove prendere della terra buona?” dove per buona si intende QUANTOMENO non inquinata…

Forse oggi ho trovato la soluzione, ma forse…

in una zona del paese stanno sanificando una casa e nel farlo stanno scavandole attorno una trincea esageratissima (la casa in effetti è in una zona che potremmo definire semipaludosa). Ho visto la terra che stan tirando fuori dal profondo, è bella marrone chiaro, certo è terra morta, senza microflora  e fauna utile, però mi pare “bella”, domani vorrei andare a chiederne un pò (ne han già distribuita in giro mica poca). Peraltro mi sarebbe utilissima a riempire le buche che il cane (è una cagna e tende a scavarsi la tana) continua a scavare attorno al pesco ed all’albicocco.

Il mio unico dubbio riguarda dei pini che da 30 anni erano lì, vicino a dove stan scavando e si sa che dove crescono i pini cresce poco altro.
Che fare? Nelle aiuole la mischierei alla terra di superficie, un pò di compost dovrebbe aiutare (e poi sono disposta ad affrontare ancora un paio d’anni di scarsa produzione pur di avere della buona terra in futuro). Ma gli alberi da frutta? Il cane scava proprio attorno al tronco, e diciamo che i buchi saranno un bel metro cubo in tutto (su due piante, tutto attorno) riempirli con quella terra rappresenterà un colpo mortale per i poveri alberi?

Spero che la notte (e magari qualche internauta) mi porti consiglio, un buon consiglio…

Annunci